WOLFRAMIO ( TUNGSTENO )


Tungsteno

Tungsteno Anidro

Tungsteno Bacchette

Tungsteno Barre

Tungsteno Carburo

Tungsteno Carburo Polvere

Tungsteno Cerio

Tungsteno Cilindri

Tungsteno Dischi

Tungsteno Elettrodo

Tungsteno Filamenti

Tungsteno Filo

Tungsteno Fogli

Tungsteno Grani

Tungsteno Lantanio

Tungsteno Metallo

Tungsteno Ossido Blu

Tungsteno Ossido Giallo

Tungsteno Polvere

Tungsteno Polvere Blu

Tungsteno Polvere Giallo

Tungsteno Rottami

Tungsteno Triossido

Tungsteno Zirconio

Wolframio Concentrato

 

 

 


UFFICIO COMMERCIALE

Siamo a vostra disposizione per qualsiasi informazione desiderate

Phone : +39 02 90003777  
Fax : +39 02 90003787 
E-mail : info@cometox.it

Sito ufficiale : www.cometox.it
 

 

 

Il WOLFRAMIO o tungsteno puro ha un colore che varia dal grigio acciaio al bianco, ed è molto duro. Si può tagliare con un seghetto per metalli quando è molto puro, mentre se è impuro è molto fragile e difficile da lavorare; il tungsteno viene ottenuto tramite sinterizzazione in quanto dotato di una temperatura di fusione troppo elevata per poter essere colato. Successivamente viene lavorato tramite forgiatura, trazione o estrusione.

Dopo il carbonio, il punto di fusione del tungsteno è il più alto di tutti gli elementi puri (3422 °C): sue sono anche la più bassa pressione di vapore e la più alta resistenza alla trazione a temperature oltre i 1650 °C fra tutti i metalli.

Ha una ottima resistenza alla corrosione, la maggior parte degli acidi minerali lo intacca solo debolmente. Sul tungsteno metallico si forma uno strato protettivo di ossido all'aria, ma questa protezione viene meno alle alte temperature, a cui l'ossidazione non viene fermata.

Viene facilmente ossidato, sia puro che sotto forma di carburo dall'azione dell'acqua ossigenata[4][5].

Quando viene aggiunto all'acciaio, il tungsteno ne aumenta notevolmente la durezza.


Applicazioni

Il tungsteno ha una vasta gamma di usi, di cui il più diffuso è senz'altro come carburo di tungsteno (W2C, WC) nei carburi cementati. Questi sono materiali molto resistenti all'usura, usati nella lavorazione degli altri metalli, nell'industria mineraria, petrolifera e delle costruzioni. Il tungsteno si usa anche per i filamenti delle lampadine ad incandescenza e delle valvole termoioniche, e per vari tipi di elettrodi, perché si può ridurre in filamenti molto sottili che hanno un alto punto di fusione. Il carburo di tungsteno si sta usando da non molto tempo anche per bigiotteria e gioielleria grazie alle sue caratteristiche di resistenza al graffio e all'usura.

Altri usi:

  • Le sue proprietà di densità e durezza lo rendono il candidato ideale per leghe pesanti usate in armamenti, dissipatori di calore e sistemi di pesi e contrappesi.

  • È ideale per le freccette, di cui arriva a costituire l'80% del peso.

  • Gli acciai rapidi sono spesso delle leghe di tungsteno; ne possono contenere fino al 18%.

  • Superleghe contenenti questo metallo sono usate in pale di turbine, utensili d'acciaio e parti meccaniche o rivestimenti resistenti all'usura.

  • Materiali compositi di tungsteno sono usati al posto del piombo in alcuni tipi di munizioni per armi da fuoco.

  • Composti chimici del tungsteno si usano in catalizzatori, pigmenti inorganici e lubrificanti ad alta temperatura (disolfuro di tungsteno), stabili fino a 500 °C.

  • Poiché il coefficiente di dilatazione termica del tungsteno è molto vicino a quello del vetro e al boro silicato, si usa il tungsteno per giunture stagne vetro-metallo.

  • Si usa per penetratori ad energia cinetica come alternativa all'uranio impoverito.

  • È utilizzato in saldatura in lega col torio per elettrodi che non fondono alla temperatura dell'arco voltaico.

  • È utilizzato come materiale di contatto col plasma in impianti di fusione nucleare.

  • Data la sua grande capacità di schermare le radiazioni (10 volte superiore a quella del piombo) si sta indagando il suo uso in applicazioni ove sia richiesta una buona capacità di assorbimento congiunta a dimensioni ridotte. Esso è inoltre lavorabile con più facilità del piombo ed è meno inquinante e più resistente (caratteristiche che ne rendono possibile l'uso sottomarino).

  • Sotto forma di politungstato di sodio è utilizzato come liquido pesante per valutare la densità dei materiali, in particolare per valutazioni gemmologiche.

  • È utilizzato nelle frese chirurgiche per osso e dentali, nella forma di carburo di tungsteno.

  • Viene utilizzato per la produzione di raggi X con il tubo radiogeno. Si sta valutando la possibilità di utilizzare il tungsteno al posto del piombo per realizzare i corpetti di protezione dalle radiazioni, utilizzati in radiologia.

  • Sotto forma di pasta di tungsteno di alta densità è utilizzata nella pesca sportiva per bilanciare esche e terminali e, inoltre, rende il filo da pesca affondante se fatto passare dentro questa pasta durante l'imbobinamento.

Altri vari usi marginali: gli ossidi di tungsteno si usano nei rivestimenti ceramici, e i tungstati di calcio e magnesio sono usati diffusamente nelle lampade fluorescenti. Questo metallo si usa anche nei bersagli per raggi X e negli elementi riscaldanti per forni elettrici. Sali contenenti tungsteno sono usati in chimica e per la concia delle pelli. I bronzi al tungsteno (ossidi colorati di tungsteno) sono pigmenti usati, con altri composti, nelle vernici e nei colori.

Da non molto tempo il tungsteno è utilizzato anche nella fabbricazione di bigiotteria e gioielleria, per la sua ipoallergenicità e per la capacità, dovuta alla sua estrema durezza, di mantenersi lucido molto più a lungo di qualunque altro metallo.

Da poco è stato scoperto un nuovo uso del tungsteno: se immerso in atmosfera di azoto liquido insieme a scariche elettriche ad alta tensione, il tungsteno per processi fisici ancora in parte ignoti si appuntisce fino ad arrivare alla minima punta possibile: un atomo. Potrebbe essere usato per microscopi ad effetto tunnel

 

                                                                                             info da wikipedia

 

Chi siamo
La Cometox Srl, sorta nel 1983, riassume l'esperienza di diversi decenni acquisita nella precedente impresa individuale, nel campo della intermediazione di prodotti chimici e di metalli non ferrosi.

Inizialmente distributori di produttori nazionali, via via con il passare degli anni, seguendo le evoluzioni dei mercati,  siamo diventati partner privilegiati di leaders internazionali dei metalli e dei chemicals ad essi collegati, così da poter offrire a quotazioni estremamente interessanti
una qualità ineccepibile.

La flessibilità ed il dinamismo operativo sono le caratteristiche che hanno consentito alla Società di svilupparsi.
 

 

 

Certificazione Qualità

 

COMETOX   s.r.l.
Via XX Settembre 9
20080 Zibido san Giacomo  MI - ITALY
Phone :
+39 02 90003777
Fax :
+39 02 90003787 
E-mail : info@cometox.it

UNI EN ISO
9001:2008

   
 

Copyright © 2014 COMETOX s.r.l  - P. IVA e C.F. 07233890156 - Reg. Impr.Trib. Milano 228936 - R.E.A Milano 1147178 - Cap. Soc. € 20.800.00 Int.Vers.